Una buona rasatura, per una pelle liscia e perfetta è l’ideale: ogni uomo ha bisogno di potersi fidare del proprio rasoio, per essere sicuro di avere l’aspetto migliore per sé e per potersi rapportare con gli altri. In questa guida su come scegliere un rasoio elettrico, vi illustriamo le principali caratteristiche che dobbiamo controllare prima di acquistare il rasoio elettrico 🙂 .

Quello che al rasoio non deve mai mancare è una buona affilatura: pensando alla lametta classica, purtroppo, sappiamo bene quanto in realtà una comunissima rasatura possa trasformarsi in una combinazione dolorosa di bruciori ed escoriazioni involontarie. Basta troppo poco per tagliarsi, specie se in presenza di una pelle davvero molto sensibile.

È qui, che allora, si viene a palesare l’idea di acquistare un ottimo rasoio elettrico: i prezzi, rispetto agli anni passati, si sono notevolmente abbassati, mentre le prestazioni hanno vissuto un’evoluzione notevole.

Il primo punto per scegliere il rasoio elettrico è decidere se acquistarne con lamina o testina: nei primi troviamo una piccola lama vibrante, custodita da una lamina forata, nella quale entrano i peli della barba per essere tagliati.
La rasatura risulta molto rapida e uniforme, con una semplice passata.

Quelli a testina sono solitamente costituiti da un gruppo di tre testine rotanti, contenenti tre lame circolari: sono completamente snodate e in grado di seguire correttamente le pieghe del viso, veloci da utilizzare ma un gradino sotto, in questo senso, a quelle a lamina.

Anche la batteria è un importante parametro da tenere sotto controllo: i rasoi elettrici, un tempo, erano alimentati esclusivamente via cavo da collegare alla corrente elettrica, andando così a compromettere notevolmente la comodità. Oggi, invece, si trovano principalmente modelli a batterie privi di qualsiasi cavi, in grado, addirittura, di sopportare il getto d’acqua di chi vuole radersi sotto la doccia: si chiamano Wet & Dry e sono modelli di rasoi elettrici davvero molto interessanti.

Per quanto riguarda, invece, l’autonomia e la questione più tecnica della batteria, è sempre meglio scegliere rasoi in grado di indicare la carica residua: solitamente, vengono utilizzate batterie a lunga durata, al Litio, ma con un conseguente aumento incisivo sul costo finale. In alternativa si possono scegliere rasoi elettrici con batterie Ni-Mh, con costi nettamente inferiori, ma prestazioni molto più contenute in quanto ad autonomia.

A prescindere da quale modello si vada a scegliere, è importante tenere sempre sotto controllo la manutenzione del proprio rasoio elettrico: molti modelli, come ad esempio i già citati Wet & Dry, possono essere sciacquati sotto acqua corrente.
Alcune case produttrici, per garantire la giusta igiene e pulizia, hanno implementato sui propri modelli di rasoi elettrici dei sistemi di auto-pulizia, portati autonomamente avanti durante il periodo di ricarica.

 

Ovviamente, in questi casi, i prezzi dei modelli si impennano abbastanza evidentemente: nel caso in cui volessimo risparmiare un po’ di soldi, dovremo comunque sempre portare avanti una routine di pulizia ottima, che consenta di poter sempre contare su una igiene massima.

Applicare una buona crema idratante con costanza renderà la rasatura notevolmente più semplice e fluida, senza il rischio di creare arrossamenti o irritazioni dovute ai passaggi ripetuti sulla pelle: buon divertimento con il vostro nuovo rasoio elettrico! 😉


E tu, cosa ne pensi?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi